logo professioni team

Credito d'imposta
Mezzogiorno

Ottieni fino al 45% di rimborso dei tuoi investimenti

Che cos’è il credito d’imposta Mezzogiorno?

La legge di stabilità 2016 (art. 1 co. 98 – 108 della L. 28.12.2015 n. 208) ha previsto un credito d’imposta per le imprese che abbiano effettuato, dall’1 gennaio 2016 al 31 dicembre 2019, investimenti destinati a strutture produttive del Mezzogiorno.
Più nello specifico, possono avvalersi di questo speciale bonus investimenti al Sud i soggetti che abbiano acquisito beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo (dove siano ammesse le deroghe previste dall’art. 107 § 3 lett. a e c del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea - TFUE)

Credito d’imposta come funziona

Il credito d’imposta è riconosciuto fino al 20% dell’investimento realizzato dal 1 gennaio 2016 al 28 febbraio 2017 e fino al 45% dell’investimento realizzato o da realizzare dal 1 marzo 2017 al 31 dicembre 2019.

Per avvalersi delcredito d’imposta mezzogiorno 2019 occorre presentare un’apposita comunicazione all’Agenzia delle Entrate (provv. Agenzia delle Entrate 24.3.2016 n. 45080) , in cui siano specificati i dati relativi agli investimenti agevolabili effettuati.
Dopo un’analisi del progetto d’investimento, verrà rilasciata un’attestazione del credito riconosciuto maturato o da maturare: il credito è visibile dal cassetto fiscale del contribuente nella sezione “Agevolazione”.

Credito d’imposta mezzogiorno: beni agevolabili e chi può richiederlo

Possono beneficiare del credito d’imposta tutte le imprese: indipendentemente dalla forma giuridica e dalle dimensioni; che hanno effettuano o effettueranno, nuovi investimenti nel Mezzogiorno, a decorrere dal 1 gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019.

Quali investimenti sono agevolabili:

Investimenti e beni agevolabili:

  • creazione di un nuovo stabilimento;
  • ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente;
  • diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
  • macchinari;
  • impianti;
  • attrezzature varie.

Sono, quindi, esclusi dall’agevolazione i beni immateriali, gli immobili, veicoli e investimenti di mera sostituzione

Chi è escluso da credito d’imposta?

L’agevolazione non spetta ai soggetti che operano nei seguenti settori:

  • industria siderurgica e carbonifera;
  • costruzione navale;
  • fibre sintetiche;
  • trasporti e relative infrastrutture;
  • produzione e distribuzione di energia e infrastrutture energetiche;
  • creditizio, finanziario e assicurativo.

Come si utilizza il credito d’imposta?

Il credito d'imposta maturato o da maturare è utilizzabile esclusivamente in compensazione nel modello F24 (codice tributo “6869”) attraverso i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate Entratel o Fisconline, pena il rifiuto dell’operazione di versamento, e a partire dal quinto giorno successivo alla data di rilascio della ricevuta attestante la fruibilità del credito d’imposta

Esempio

Ho un credito d’imposta maturato di euro 45.000,00 e devo pagare un modello F24 di euro 5.000,00 di cui IVA, Ires, contributi dipendenti, Imu: come utilizzo il credito

F24 a saldo zero, non paga alcun importo, resta un credito residuo da compensare di euro 40.000,00.

Calcolo credito d'imposta

Investimenti effettuati

Ho comprato impianti e macchinari nuovi nel 2018, di cui euro 50.000,00 oltre IVA con contratto di leasing con scadenza 2023 ed euro 30.000,00 oltre IVA con fattura.
Quanto posso recuperare?

Impianti - Leasing euro 50.000,00
Impianti euro 30.000,00
Totale investimenti nuovi euro 80.000,00
Credito Imposta 45% euro 36.000,00

Da compensare in F24 dal quinto giorno dell’approvazione Agenzia delle Entrate

Investimenti da realizzare nel 2019

Ho in progetto di acquistare impianti e macchinari nuovi nel 2019, di cui euro 50.000,00 oltre IVA con contratto di leasing con scadenza 2023 ed euro 30.000,00 oltre IVA con fattura.
Quanto posso recuperare?

Impianti - Leasing euro 50.000,00
Impianti euro 30.000,00
Totale investimenti nuovi euro 80.000,00
Credito Imposta 45% euro 36.000,00

Da compensare in F24 dal quinto giorno dell’approvazione Agenzia delle Entrate e dalla data di stipula del contratto di leasing o data fattura dell’investimento entro il 31 dicembre 2019

Cosa fare per ottenerlo?

Per una veloce e gratuita pre-analisi, inviaci all'indirizzo cim[at]professioniteam.it
i seguenti documenti:

document icon
  • Visura camerale aggiornata
  • Durc online regolare
    • Per gli investimenti già realizzati dal 2016 al 2019:
    • Fattura o contratto di leasing degli investimenti dal 2016 al 2019
    • Per gli investimenti da realizzare entro il 31 dicembre 2019
    • Preventivi, bozza contratto leasing o lista degli investimenti da effettuare entro il 31 dicembre 2019

Ricorda che l'agevolazione può essere richiesta
fino al 31 dicembre 2019!