logo professioni in team

Ristori bis

Il decreto Ristori Bis si andrà ad affiancare al Decreto Ristori, di seguito tutte le novità per le imprese divisi in base al colore della regione

Ristori bis

Approvato il Decreto Ristori Bis!

Il Decreto Ristori Bis va ad affiancare il Decreto Ristori già approvato in precedenza.

Per quest’ultimo decreto l’insieme dei provvedimenti vale 2,5 miliardi e prevede nuove misure per bilanciare gli effetti delle nuove restrizioni.

Tra le misure di sostegno per le attività delle zone rosse è prevista la cancellazione della seconda rata dell’IMU.

Viene inoltre stabilita la sospensione dei contributi INPS relativi al mese di novembre.

  • Contributi a fondo perduto previsti dal decreto ristori Bis

È previsto un ampliamento delle categorie di attività beneficiarie del contributo a fondo perduto previsto dal decreto Ristori.

Per alcuni operatori già beneficiari del contributo che registrano ulteriori restrizioni delle loro attività, alla luce delle nuove misure restrittive nelle zone arancioni e rosse, il contributo è aumentato di un ulteriore 50 per cento.

Il contributo sarà erogato seguendo la stessa procedura già utilizzata dall’Agenzia delle Entrate per il Decreto Rilancio e per il precedente decreto Ristori. L’importo del beneficio varierà in funzione del settore di attività dell’esercizio.

  • Incrementati i contributi a Fondo Perduto

Il Decreto Ristori bis incrementa di un ulteriore 50% il contributo per le imprese riconducibili a determinati settori economici

  • gelaterie 
  • pasticcerie
  • bar 
  • altri esercizi simili senza cucina

con domicilio fiscale o sede operativa nelle zone arancioni o rosse.

Viene inoltre ampliato l’elenco dei codici Ateco che caratterizzano le attività alle quali deve ritenersi riconosciuto il beneficio in esame.
Si evidenzia infine che, con il comunicato stampa del 07.11.2020, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato l’avvenuto accredito dei primi contributi a fondo perduto riconosciuti dal Decreto Ristori.

Decreto Ristori Bis

  • Sospensione dei versamenti IVA

Sospese le ritenute alla fonte e dei pagamenti Iva per il mese di novembre per i soggetti che esercitano attività economiche sospese dal nuovo Dpcm e per chi dovrà chiudere nelle zone rosse.

  • Il Decreto Ristori Bis prevede la cancellazione seconda rata dell’imu

Cancellata la seconda rata dell’Imu per le imprese che svolgono le attività che danno titolo al riconoscimento del nuovo contributo a fondo perduto e operano nelle Regioni caratterizzate da uno scenario di massima gravità.

 

  • Sospensione dei contributi previdenziali

Sospesi i contributi previdenziali e assistenziali per il mese di novembre per le attività previste dal decreto-legge Ristori che operano nelle zone gialle. Per quelle delle zone arancioni e rosse la sospensione è riconosciuta per i mesi di novembre e dicembre.

  • Contributi per attività nei centri commerciali

È prevista la costituzione di un fondo per ristorare con un contributo a fondo perduto le perdite subite dalle attività economiche che hanno sede nei centri commerciali e per le industrie alimentari.

  • Nel Decreto Ristori Bis inoltre sono inseriti dei sostegni per le attività del Terzo Settore

Con un fondo straordinario viene dato un sostegno in favore dei soggetti attivi nel terzo settore, organizzazioni di volontariato, associazione di promozione sociale e organizzazioni non lucrative di utilità sociale, che non rientrano fra i beneficiari del contributo a fondo perduto.

Per leggere l’intero Decreto clicca qui

Per altri incentivi a favore delle imprese potrebbe interessarti anche:

© RIPRODUZIONE RISERVATA